info@ovadeseanalisi.it

Chiamaci: 0143 81300

La cavitazione per Cellulite e cuscinetti di grasso

Home > News
La cavitazione per Cellulite e cuscinetti di grasso

Uno dei problemi più ricorrenti nel campo estetico che affligge la maggior parte delle donne sono i cuscinetti di adipe e di cellulite localizzati. Fino ad oggi la temuta pelle a buccia d'arancia era un inestetismo difficile da eliminare. Nonostante il mercato estetico offrisse ed offra una infinità di proposte dalle creme, ai fanghi, ai massaggi, ai farmaci, alla fine sono risultate dei palliativi che non risolvono il problema alla base.
Perché la cellulite non è solo un inestetismo ma una vera alterazione morfologica dell'ipoderma, lo strato più interno della cute, quello che sta a contatto con i muscoli, che funge da cuscinetto di protezione dai traumi, che funge da isolante, evitando inutili dispersioni di calore, e, soprattutto, funge da riserva energetica per le nostre necessità.Quindi si tratta di una vera malattia. All'origine , per cause diverse (genetiche, costituzionali, ormonali) aggravate da vita sedentaria, stress, alimentazione scorretta, si ha un accumulo di grasso negli adipociti, le voluminose cellule ricche di lipidi dell'ipoderma, che tendono ad aumentare di volume (ipertrofia).Questa condizione genera un loro schiacciamento con compromissione della microcircolazione sanguigna e linfatica. Di conseguenza si ha un minor afflusso di ossigeno e nutrienti che arrivano ai tessuti ed un aumento di scorie. 
 

 

Visivamente tutto questo si evidenzia con ritenzione idrica, pelle a buccia d'arancia e via via,

 

CELLULITE

 con l'aggravarsi dello stato patologico, comparsa di micronoduli sempre più grandi e dolenti al tatto.
Fino ad oggi, come detto precedentemente, la cellulite ed i cuscinetti di grasso localizzati che si accompagnano ad essa, si potevano eliminare in modo soddisfacente soltanto facendo ricorso al chirurgo estetico. Oggi è possibile utilizzare una tecnica indolore, sicura che sta riscuotendo tantissimi consensi : la cavitazione.

La cavitazione è un fenomeno fisico che si manifesta quando gli ultrasuoni (onde sonore non percepibili dall'orecchio umano) attraversano un liquido: si formano bolle di vapore all'interno del liquido che, in determinate condizioni, collassano implodendo. L'implosione genera energia meccanica.

Tale fenomeno è stato applicato in estetica per la disgregazione delle cellule adipose. Infatti riproducendo la cavitazione sui cuscinetti di grasso, le bolle che implodono nel liquido interstiziale ( il liquido che circonda le cellule e che permette gli scambi tra esse e il sangue ), liberano energia sfruttata per disgregare gli adipociti, le strutture più fragili, senza danneggiare muscoli, vasi ecc. Le cellule adipose danneggiate rilasciano i trigliceridi in esse contenuti, che saranno presto eliminati dai reni e/o andranno al fegato per essere metabolizzati. 
I risultati sono evidenti dalle prime sedute.

Cos'è la cavitazione?

La cavitazione è una metodica che si avvale delle proprietà fisiche degli ultrasuoni a bassa frequenza per ridurre le adiposità localizzate e la cellulite, in maniera indolore e non invasiva. Rappresenta un'efficace tecnica di rimodellamento corporeo in alternativa all'intervento chirurgico di liposuzione.

Come funziona?

Tramite un'apparecchiatura adeguata, le onde di ultrasuoni a bassa frequenza vengono liberate da un manipolo speciale appoggiato alla pelle e fatte convergere all'interno del tessuto adiposo, dove per mezzo di micro-oscillazioni, producono rapide variazioni pressorie nei liquidi cellulari. Si formano così microbolle all'interno delle cellule adipose, che implodono, rompono la membrana cellulare e permettono la fuoriuscita degli acidi grassi (trigliceridi). 
Le scorie di grasso liberato, riassorbite dal sistema linfatico, vengono metabolizzate dal fegato in modo naturale, come qualsiasi grasso alimentare.   

Oltre all'effetto lipolitico, il riscaldamento prodotto dagli ultrasuoni sul derma e sul sottocutaneo, favorisce la formazione di nuovo collagene e consente così un miglioramento visibile della tonicità ed elasticità della pelle trattata.

Gli ultrasuoni realizzano il fenomeno di cavitazione in un ambiente ricco d'acqua, per cui è necessario migliorare l'efficacia delle onde ultrasoniche, mediante infiltrazione del tessuto adiposo con soluzione fisiologica ed eventualmente farmaci lipolitici, per potenziare l'effetto di riassorbimento dei grassi.
Questa procedura va praticata in ambulatorio e viene chiamata cavitazione medica (idrolipoclasia ultrasonica). Richiede un'apparecchiatura di qualità elevata e l'intervento di un medico qualificato.
 

Quali sono le indicazioni?

Adiposità localizzate in braccia, addome, fianchi, glutei, cosce, polpacci e interno ginocchia;
cellulite;
non indicato per il trattamento del viso, del collo, delle mucose, delle mani e dei piedi.

Quali sono le controindicazioni?

- Portatori di dislipidemie croniche, patologie del fegato, cuore, reni, tiroide, disordini della coagulazione e malattie del tessuto connettivo;
- portatori di pacemaker o protesi di qualsiasi genere;
- stato di gravidanza.

Quali sono gli effetti collaterali?

La cavitazione è un trattamento sicuroefficace e privo di effetti collaterali, salvo, talvolta, una sensazione di calore, un temporaneo eritema o gonfiore della zona trattata.

Quante sedute servono?

Per raggiungere risultati ottimali sono necessarie normalmente da 8 a 12 sedute a cadenza settimanale, a seconda della zona da trattare e delle caratteristiche del paziente. È importante anche per ottenere risultati ottimali e definitivi attenersi alle indicazioni mediche durante l'intero ciclo di trattamento, come bere almeno 1,5 litri di acqua oligominerale al giorno, seguire una corretta alimentazione e svolgere attività fisica leggera e costante, per smaltire il carico di grassi che si libera dalle cellule adipose.